Nostalgie immotivate

Avete mai ringraziato una mortadella? Diciamo che ora è arrivato il momento di farlo.

Ero in ufficio, stavo leggendo un giornale preso a caso quando mi accorgo che le tematiche non erano recentissime, i colori leggermente patinati delle foto, iniziavo a capire, e delle capigliature decisamente old-school. Poi mi accorgo del prezzo in lire, ben 2500, guardo bene la copertina, c’era un tipo con un maglione così anni 90 che mi sentivo di soffocare, tutti quei pelucchi che ti procurano un prurito indicibile, percepivo già il fiato sul collo di Uan, grazie Bim-Bum-Bam per l’indottrinamento, con i suoi pelucchi che mi ricordavano ancora una volta quel maledetto maglione, regalo di natale che mette l’anima in pace di tutte le zie.
Sul retro del giornale c’era la pubblicità di una vacanza in Egitto, mai visto niente di più kitsch. I prezzi mi facevano sorridere: due milioni di lire trattamento pensione completa, supplemento di centocinquantamila lire per l’all-inclusive. Uno stonatissimo 35$ riferito al trasposto bagagli attirava la mia attenzione. Tutta la poesia dei prezzi in lire, si insomma davano un valore maggiore ai soldi, rovinati da una “esse barrata” e due numeretti buttati lì. Una capacità di sintesi inaudita, se proveniente da dei cowboy con cheeseburger in mano affascinati dalla legge del taglione. Nel frattempo, patriottismo o meno, eravamo nella merda e la lavatrice non funziona ancora benissimo. Quindi gente ringraziate il mortadella (Romano Prodi) se ci hanno tolto la nostra poetica moneta e anche noi adesso abbiamo un simboletto che sembra un culo con due stecchini infilati e delle banconote più fighe dei cugini oltre oceano; oltretutto con grande orgoglio i traffici illeciti sono gentilmente supportati dalle banconote da 500 Euro perché sono più piccole e entrano più facilmente nelle solite stereotipate valigette laccate acciaio rispetto ai 500 Bucks americani. Il destino è sempre il miglior cabarettista e coinvolge noi italiani sempre nelle stesse situazioni.

Beh.. se vi sembra che tutto quadri sappiate che se avessimo mantenuto la lira ora saremmo in uno tsunami di feci, aivoglia ad esportare il made in Italy. E spaghetti e mandolini, per la cronaca, sono difficili da infilare nel culo, se invenduti.
Un ultima cosa, per ufficio intendevo il cesso di casa.
Annunci

One thought on “Nostalgie immotivate

  1. cocca ha detto:

    …fantastico!!!!!!!! =)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: